Lo zafferano se ti svegli tra l’1 e le 3 di notte 5


Ti è mai successo di risvegliarti nel cuore della notte di punto in bianco? E l’orario in cui ti svegli è tra la 1 e le 3 di notte?

Sai già chi è il “colpevole”?

Secondo la medicina tradizionale cinese, l’insonnia si classifica in base alla forza o alla debolezza di alcuni organi. Per esempio risvegliarsi tra la 1 e le 3 di notte significa che lo squilibrio di energia si trova nel fegato che per la medicina cinese è l’organo legato alle emozioni di collera e di rabbia che non sei riuscito a gestire durante la giornata o il periodo che stai vivendo. Molto banalmente se chiedi in giro cosa puoi fare, ti sentirai dire frasi del tipo: “arrabbiati di meno” oppure “gestisci lo stress”. E quindi?

5 CONSIGLI PRATICI

  1.  mettiti in osservazione di te stesso e osservati quando le cose ti fanno arrabbiare, quando ti parte il “pulsante rosso dell’ira”. È molto importante prendere consapevolezza di questo perché è il primo passo per gestire la rabbia e non farsi gestire da essa. Si dice che quando uno diventa consapevole, ha già percorso il 50% della propria strada.
  2. trova la tua metafora che ti protegga da questi momenti, che ti permetta di entrare nella tua  “galleria” per un attimo e prendere le distanze emotive. Puoi ad esempio immaginarti una bellissima foglia verde, di un colore verde intenso, lucida, affusolata e carnosa che, quando piove, si fa scivolare via l’acqua. Pur continuando a rimanere sempre “foglia” essa si muove sotto la pioggia quasi in una sorta di danza. Trova l’immagine che per te evochi questa sensazione di lasciarti scivolare addosso le cose, non farti intaccare.
  3. acquista l’olio essenziale di geranio o ginepro. L’olio essenziale di geranio ha la capacità di attirare a te solo le persone positive per te in quel momento e di allontanare quelle non positive. Con ciò non sto dicendo che le persone sono brave o cattive, ma semplicemente con alcune siamo più in sintonia che con altre. L’olio essenziale di ginepro invece ti fa da scudo permettendoti di rimanere più pulito energeticamente.
  4. depura il fegato con superfoods mirati e pratica attività sportiva
  5. assumi più zafferano non solo nel risotto ma anche mescolato al tè o altri infusi prima di coricarti.

PROPRIETA’ DELLO ZAFFERANO:

L’utilizzo dello zafferano si fa risalire ai tempi degli antichi egizi e degli antichi romani, così come anche in epoca rinascimentale, epoche in cui alla spezia venivano attribuite proprietà terapeutiche utili a curare una vasta gamma di disturbi come l’asma, i dolori mestruali, le malattie del fegato e la dispepsia, la gengivite, la tosse ma anche la depressione ed l’eccitazione nervosa. Nella medicina ayurvedica indiana tale spezia è da sempre considerata un forte adattogeno per gli effetti positivi sul sistema nervoso.

Un recente studio condotto da un’equipe di medici Iraniani ha dimostrato la proprietà dello zafferano di regolare il tono dell’umore, agendo sul sistema nervoso centrale, rendendo questa spezia un buon aiuto in caso di stati depressivi, ansia e stress. Lo studio ha confrontato il farmaco fluoxetina (meglio conosciuto come prozac) con lo zafferano e si è riscontrato che quest’ultimo produce sul cervello gli stessi effetti prodotti dal farmaco, nel trattamento della depressione.

Da tutto ciò però non possiamo ora esagerare con tale spezia, poiché lo zafferano, se assunto in grandi quantità, è tossico. Effetti collaterali sgradevoli possono comparire già dall’assunzione di 5 grammi di spezia e l’assunzione di 20 grammi è addirittura letale! Lo zafferano è considerato un rimedio naturale abortivo. Per questo è sconsigliato l’uso in gravidanza o allattamento. Si consiglia di non superare mai la dose di 1,5/2 grammi al giorno.

Il costo elevato dello zafferano dipende anche dalla sua lavorazione e dalla sua raccolta che richiede moltissime ore e tanta fatica: per produrre un solo chilo di zafferano infatti basta pensare che occorrono dalle 170 alle 200 ore soltanto per la raccolta dei fiori e per la rimozione dei così detti stami, che verranno poi essiccati per produrre un misero chilo di zafferano. È proprio questo elevato costo che ha indotto la commercializzazione sotto forma di polvere, spesso adulterata con prodotti meno pregiati, come curcuma, cartamo e zafferano africano. Per tutti questi rischi trovare lo zafferano sotto forma di pistilli è garanzia di purezza e di un sapore più intenso.

La preziosità di quest’erba è talmente ricercata che tra i maggiori paesi produttori di zafferano ci sono anche la Spagna, che è il principale produttore europeo seguito da Portogallo, Francia, Italia, ecc. In Italia si ha traccia di coltivazione dello zafferano dal XIV secolo. Oggi la maggior parte di zafferano italiano proviene da Marche, Umbria, Emilia Romagna e Sardegna.

Clicca qui per scoprire la cosmesi efficace ed ecologica

By Berenice

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 commenti su “Lo zafferano se ti svegli tra l’1 e le 3 di notte

    • nice L'autore dell'articolo

      Ciao Alessandro dipende da come ti svegli. Mi spiego meglio, essendo dalle 3.00 alle 5.00 l’orario legato all’organo dei polmoni significa che il corpo sta scaricando lì le emozioni. Se però ci si sveglia già stanchi, l’emozione corrispondente è la tristezza o situazioni che rispondo a situazioni come: ” mi stanno tutti con il fiato addosso”, “non ho un attimo di tempo per tirare fiato”. Se invece ci si sveglia pieni di energia significa che hai sufficiente respiro e quindi vitalità per affrontare ciò che hai in quel periodo.

  • Alessia

    Sempre molto interessante ciò che scrivi, ogni volta che leggo un tuo articolo poi mi sento arricchita ed entusiasta! Grazie per queste informazioni preziose che condividi con noi!! Ora farò più attenzione all’ora in cui mi sveglio di notte o si svegliano gli altri componenti della famiglia!! Sarà più semplice capire e risolvere ❤️

  • Simona

    Come sempre, tanti consigli utili! Curare la salute in modo naturale. Grazie per il tuo contributo per un alimentazione sana. Un abbraccio!