Il beta-carotene aiuta l’abbronzatura o “tinteggia”?

In tema di abbronzatura sentiamo spesso parlare dei benefici del beta-carotene. Ma è veramente così? Scopriamolo assieme!

Ci può essere una protezione solare interna della pelle efficace? La risposta è si, ma dipende in che modo viene realizzata.

Indubbiamente parlare di protezione interna implica assumere dei compendi alimentari in grado di dare quel qualcosa in più alla corretta alimentazione, ovvero degli integratori alimentari che potenziano l’assunzione corretta di cibi. Quindi la prima domanda che ti faccio è: hai una corretta alimentazione in cui privilegi frutta e verdura fresca e di stagione?

Se la tua risposta è affermativa potrai allora aiutarti con il supporto di integratori che, come dice la parola “integrano” e non sostituiscono la corretta alimentazione. Sul mercato troverai una miriade di prodotti e quindi come poter scegliere al meglio il prodotto giusto ed efficace?

Ecco quindi le domande principali che ti devi fare se vuoi comprare un integratore alimentare per la pelle:

  1. quali sono gli ingredienti?
  2. sono di origine vegetale o sintetica
  3. che dosaggi hanno?
  4. quando e come assumerli
  5. il prezzo è importante?

E di seguito le risposte….

  1. Avrai sicuramente visto in commercio diversi integratori a base di carotene che vengono venduti per migliorare l’abbronzatura e proteggere la pelle. In realtà gli integratori a base di carotene non vanno a proteggere bene la pelle ma la vanno a colorare poiché il carotene è una molecola liposolubile che si va a depositare nel tessuto adiposo e non nel melanocita. Risultato la pelle sarà più “arancionata”. Quindi presta molta attenzione a non esporti in modo selvaggio ma continua ad usare le creme solari.
  2. Gli ingredienti di origine vegetale sono più assimilabili e biodisponibili rispetto a quelli chimici. Meglio ancora se freschi, ovvero se non hanno subito un processo di ossidazione, idrolisi, ecc…
  3. I dosaggi sono molto importanti! non è vero che più ne assumiamo e meglio è perché rischi di andare a sovraffaticare il fegato e reni. Questo discorso spesso è ignorato perché si tende a semplificare il concetto, ma nel lungo tempo pò rivelarsi un boomerang che ti torna indietro. Fai molta attenzione quindi a dosaggi elevati di sostanze chimiche!
  4. Ogni frutto ha la sua stagione e quindi in estate che cosa è meglio? Opta per i carotenoidi, un pool di 500-600 molecole colorate dai colori che vanno dall’arancio chiaro a quello più scuro, invece del poverino beta-carotene. E sai perchè? perchè la famiglia dei carotenoidi agisce in sinergia su più fronti: combatte i radicali liberi, protegge la pelle, gli occhi ed il sistema immunitario e non corri il rischio di sovradosaggio. Al contrario, assumere troppo beta-carotene può essere pro-ossidante, soprattutto per chi fuma!
  5. Il prezzo è importante e come ben sai un prodotto di qualità ha il suo prezzo. Magari si potesse prendere tutto a costo zero, ma il mondo economico e politico non lo permette. e poi pensa, il contadino che s’impegna a produrre delle meravigliose arance sanguinella, come potrebbe vivere se non gli riconosciamo il valore del suo lavoro? Questa sostenibilità la dobbiamo mantenere, altrimenti ci sarà sempre chi ne pagherà il prezzo.

Ovviamente il consiglio di una protezione interna deve sempre essere associata alle norme di esposizione solare raccomandate!

Fammi sapere cosa fai per proteggerti al meglio dall’esposizione solare e ricorda che i danni si vedono tutti dopo i 40 anni.

 

by Berenice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su “Il beta-carotene aiuta l’abbronzatura o “tinteggia”?”