Rimetti a posto il tuo intestino!


Tutto parte dall’intestino” è ciò che ho sempre sentito e studiato e che ora mi trovo, tramite esperienze personali, di amici, familiari e conoscenti, a vivere sempre di piu’ come grande e semplice verità. Alla fine di ogni discorso la conclusione a cui arrivo è sempre: “rimetti a posto il tuo intestino”. Quando si sta poco bene, la prima cosa che ci hanno abituato a fare è ricorrere a qualche rimedio farmacologico. Ma perchè? Forse perchè in testa ci vengono pensieri tipo: “non ho tempo di essere ammalato” o forse “ho paura di restare ammalato“.

Con il farmaco velocizziamo, forziamo apparentemente un processo di guarigione, ma la mia domanda è “è sempre necessario arrivare a questo?” Madre Natura ci ha dato tutto e la soluzione è sempre la cosa più semplice. Forse perchè si pensa “possibile che il mangiare sano sia sufficiente per curare uno stato di malattia? Impossibile… fosse cosi’ semplice me lo avrebbe già detto il mio medico!” o forse perchè ” è troppo faticoso cambiare le abitudini e mangiare sano“?

Ma cosa vuol dire “mangiare sano“? Vuol dire tante cose, qui ho scelto per te di approfondire un aspetto molto importante, concreto e poco noto: la permeabilità delle mucose intestinali.

La mucosa intestinale è fatta di tessuto epiteliale, ovvero di cellule unite tra di loro, un pò come le piastrelle di un pavimento e con pochissima sostanza intercellulare (fuga delle piastrelle). Immagina un “muro” di cellule che, come tale, seleziona molto bene ciò che deve entrare e ciò che deve proseguire nel tragitto dell’intestino. Ora prova ad immaginare: cosa succederebbe se questo muro avesse delle crepe? o se la sostanza intercellulare (fughe delle piastrelle) fosse molto larga? Significa che potrebbe entrare di tutto, anche quello che non dovrebbe! Ti faccio un esempio… se mangio ad esempio della carne di maiale, il mio corpo non farebbe in tempo a scomporre in tutti i singoli aminoacidi le proteine ingerite e parte della “proteina-maiale” entrerebbe tale e quale nel corpo proprio attraverso la mucosa diventata a maglie più larghe. Non essendo normale avere una molecola del genere, di grandi dimensioni, che circola indisturbata nei vasi sanguigni e linfatici, il nostro organismo attiva subito le sue sentinelle, ovvero attiva il sistema immunitario per bloccare il corpo estraneo. Il corpo è una macchina perfetta e meravigliosa che non appena vede l’ingresso di qualche sostanza strana, attiva subito le difese perchè ci deve far vivere un bel pò di anni. Ricorda che il 90% del sistema immunitario risiede nell’intestino. E se per 365 giorni all’anno il sistema immunitario è impegnato sul fronte dell’intestino, cosa succede al resto del corpo? Chi lo difende? Ogni giorno produciamo un pò di cellule cancerogene che il sistema immunitario prontamente spazza via. Ma se questo non è efficace al 100%? Che succede?

Come posso capire se un alimento aumenta la permabilità intestinale o no?

  • Beh intanto significa scegliere i cibi che ci fanno individualmente bene e scartare quelli verso cui si è intolleranti. E questo lo si può fare mediante seri test di laboratorio per le intolleranze alimentari. Non ha senso dire ad una persona di mangiare il riso al posto del glutine, se poi la persona risulta intollerante al riso! Non si andrebbe molto lontano.
  • Significa ascoltare di più i segnali che il nostro corpo ci invia. Hai presente la frase “ogni volta che mangio questo cibo, mi viene…./mi sento….” Sono tutti segnali che il corpo ci sta dicendo “non va bene per te questo cibo”. Un alimento che crea intolleranza porta prima ad infiammare e poi ad aumentare la permeabilità delle muscose intestinali.
  • Significa eliminare le caseine che creano colla ed infiammano le mucose. Il discorso del lattosio è solo la punta dell’iceberg del problema del latte. Il vero problema sono le caseine.
  • Significa mangiare più vegetali, freschi e di stagione. La verdura è il piatto principale ed il contorno è la carne. Suona strano vero, ma già questo semplice accorgimento può fare la differenza per molti intestini.
  • Significa ridurre i cibi già pronti e mangiare semplice, mangiare cibo vero.

… il vero rischio se seguiamo tutte queste indicazioni è di stare meglio!

Come sempre ti chiedo se ti è piaciuto l’articolo, di lasciarmi un tuo parere, sempre molto apprezzato.

by Berenice

Sito consigliato

www.cosmesivegana.it

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *