Sangue di drago in cosmesi


Il sangue di drago in cosmesi? pura fantascienza o realtà?

Devi sapere che il sangue di drago è una resina rossa che si ricava dalla pianta Croton Lechleri, una pianta del Sudamerica (Perù ed Amazzonia). Praticamente viene incisa la corteccia, fuoriesce un latte denso che man mano che si asciuga diviene resinoso. E’ stato usato da sempre sia per uso topico che interno, in Italia ne è consentito solo l’uso esterno.

USO TOPICO e COSMETICO:

  • Ha effetti cicatrizzante, astringente e antisettico.
  • Molto utile per gengiviti, tagli, escoriazioni, ma anche tigna, ragadi, herpes.
  • Il sangue di drago, sintetizzato in forma oleosa o inserito in altri prodotti, forma sulla pelle una pellicola impermeabile che impedisce all’acqua contenuta nella nostra cute di evaporare. Quindi ha effetto idratante perchè impedisce l’evaporazione dell’acqua
  • È un ingrediente consigliato per nutrire senza appesantire la pelle
  • Ha azione antiossidante perchè combatte i radicali liberi
  • È  in grado di migliorare la grana ed il tono della pelle e di migliorare i danni provocati dai raggi UVB perchè stimola i fibroblasti a produrre collagene, elastina e acido ialuronico. Quindi va bene per smagliature rosse, per contrastare l’insorgenza di rughe e per tonificare la pelle del corpo.

 

3 MOLECOLE DEL SANGUE DI DRAGO:

Le proprietà cosmetiche e topiche del sangue di drago sono dovute principalmente a 3 molecole.

  • TAPSINA: fa parte della famiglia degli alcaloidi ed è una sostanza ad azione cicatrizzante e rigenerante del tessuto connettivo perchè stimola i fibroblasti del derma (aumentano del 56% il loro metabolismo) a produrre nuove fibre elastiche e collagene (collagene di tipi I, III, IV). La pelle aumenta la resistenza meccanica ed elastica con l’applicazione della tapsina. E’ molto utile come effetto antiage e per le smagliature rosse.

 

  • PROANTOCIANIDINE:  sono sostanze molto interessanti perchè esercitano proprietà benefiche per la pelle. Conferiscono velocità nella cicatrizzazione del tessuto e sono forti antiossidanti (sono circa 30 volte più efficaci della vitamina E). Grazie alle straordinarie capacità di eliminare i radicali liberi sono indicate nel trattamento delle varie forme di artrite; svolgono, inoltre, un’azione riparatrice sul collagene danneggiato del tessuto connettivo (anche in caso di lesioni o traumi sportivi, eliminando infiammazioni e gonfiori) e trovano valido impiego nel favorire la flessibilità delle giunture, agendo anche da analgesico naturale. Proteggendo collagene ed elastina, apportano elasticità e luminosità all’epidermide e ne aumentano il turgore. Sono dei formidabili vasoprotettori ed hanno azione antinfiammatoria.

 

  • LIGNANI: fanno parte della famiglia dei fito-estrogeni e anch’essi hanno azione tonifcante la pelle. Assieme alle proantocianidine, favoriscono la formazione della crosta sulla cute lesionata in poco tempo perchè aumentano la stratificazione dell’epidermide. Esercitano anche azione antimicrobica.

In quali cosmetici vogliamo il sangue di drago?

In primis è importante sempre valutare la qualità degli eccipienti, perchè se questa sostanza funzionale si trova mescolata a petrolati o siliconi, è chiaro che farà fatica ad esercitare le sue proprietà benefiche sulla pelle.

Va molto bene per

  • creme per i piedi (pensa a quanto sono esposti al rischio di micosi, verruche, ragadi)
  • creme per pelli sensibili con dermatiti o psoriasi (effetto antinfiammatorio e cicatrizzante)
  • creme per il contorno occhi (ottimo effetto antiage)
  • stick per labbra (come effetto antiage oin caso di herpes labialis)

Insomma un ottimo ingrediente cosmetico tutto green!

Se ti è piaciuto l’articolo, scrivimi un tuo feedback e soprattutto se lo hai mai provato sulla tua pelle.

by Berenice

Sito consigliato

www.cosmesivegana.it

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *